WFB: mano pesante su chi maltratta i libri

«Fino a 30 anni di e-book senza possibiltà di regolare la retroilluminazione attiva al massimo, ai domiciliari senza possibilità di fonti di luce esclusa quella dell’e-book».  Questo il verdetto della riunione del C.d.a. della WFB (World for Books), società per la salvaguardia del libro cartaceo, comprendente tutte le nazioni del mondo. La pena massima è per chi – si legge nel comunicato – «durante la lettura, apre il libro fino a far toccare il limite esterno della pagina sinistra con quello della pagina destra. Al termine della lettura non usa un segnalibro mnemonico o in carta ma preferisce piegare una buona parte dell’angolo della pagina. Ulteriore aggravante è rappresentata da sottolineature, marcature fluorescenti di vario colore, scarsa attenzione nell’atto della manutenzione casalinga quali macchie di caffè, birra, vino etc.».

Questa quindi la pena massima. Si parte comunque da un giorno, fino a 30 anni di pena, a seconda dei casi e della gravità. Scongiurato il temuto E-ren-Ghast-olo (proposto dal Presidente della WFB Aldo Saclsei), il quale prevedeva l’esilio in un paese sconosciuto, ovviamente dotati esclusivamente di e-book, ma senza la possibilità di scegliere i titoli da leggere, dove i pochi esseri viventi, molto simili a grossi scarafaggi, posseggono enormi biblioteche, con tutte le pubblicazioni del mondo, compresa una sezione «sconosciuti».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...