MAXXI: contro il deficit asta di beneficienza

MAXXI museo«Il MAXXI non può chiudere.» Questo il commento lapidario del critico d’arte Arnold Bertdnger, storico dell’arte afrodanese, che per amore dell’arte e del Maxxi ha organizzato un’asta di beneficienza per il 5 maggio, a Roma, in Piazza Navona. Ci spiega l’iniziativa: «Se l’arte serve a qualcosa, questo è il momento di dimostrarlo. Se chi inguacchia (termine tecnico, N.D.R.) tele bianche vuole dare uno scopo alla sua esistenza, beh, questo è il momento per farlo. Vi aspetto tutti a Piazza Navona il 5 maggio. Chiunque può venire, l’asta è libera, possono partecipare i grandi artisti ma anche i giovani, quelli che con l’arte non ci campano ma ci muoiono, gli artisti nascenti, anche quelli morenti. Il bilancio del MAXXI nel 2012 sarà in deficit di 11 milioni di euro? Bene, basterà vendere 3-4 Cattelan e lo avremo risanato». Come dargli torto.

Annunci

5 thoughts on “MAXXI: contro il deficit asta di beneficienza

    1. Cinica, anche se concordo, la Virtus Roma Basket è un altro mio grande amore. Però qui si parla di arte e della possibilità che un grande museo come il MAXXI venga chiuso e io non posso tirarmi indietro. Quindi pochi scherzi, non accetto simili commenti, la cosa è seria. E poi lei chi è? Un’artista della domenica? Del sabato pomeriggio? Crede di salvarsi nascondendosi dietro quell’avatar? Cosa è un avatar? Chissà se la sua cultura le consente di capire cosa è un avatar! Io la denunzio! Mi appello alla Corte Suprema!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...